2013.9 – Naso all’insù

Era dagli anni 80 che non seguivo una manifestazione aerea.
In quel periodo fortunato veniva aperta la base Nato di Aviano (PN), si entrava in massima libertà, anzi si entrava in circa 300.000, si beveva Coca Cola e la birra di Burt Simpson.
Naso all’insù per vedere gli F14 Tomcat (quelli di Top Gun, per intenderci), gli F16, gli A10, la Pan.
Nessuno temeva nulla.
Poi cambiò qualcosa nel mondo, e la festa finì.
La manifestazione aerea di Jesolo (VE) tenutasi ieri 1 settembre 2013, è stata piacevole anche se le acrobazie disegnate in cielo sono state ben diverse rispetto ad allora, all’insegna della massima sicurezza (ma del minor brivido).
In seguito all’incidente di Ramstein, verificatosi nel corso di un’esibizione acrobatica il 28 agosto 1988 durante l’Airshow Flugtag ’88 nella base NATO di Ramstein (DE), furono riviste le misure di sicurezza nelle esibizioni aeree, allontanando il pubblico dall’area delle evoluzioni acrobatiche.  A provocare la sciagura fu la collisione in volo fra i tre Aermacchi MB-339, della PAN pilotati dal Tenente Colonnello Ivo Nutarelli (Pony 10 della formazione), dal Tenente Colonnello Mario Naldini (Pony 1) e dal Capitano Giorgio Alessio (Pony 2). Mentre gli aerei numero 1 e 2 precipitarono in fiamme ai lati della pista, il terzo aereo, il numero 10, si abbatté sulla folla causando 67 vittime e 346 feriti tra gli spettatori. (fonte Wikipedia).
Ciò non toglie che Le Frecce Tricolori, ora come allora, rimangono un vanto nazionale.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...