2013.10 – Arte e dintorni

biennaleLa Biennale d’Arte di Venezia di quest’anno, la 55^ edizione, è stata – usando un eufemismo – una mostra sotto tono.
Poche novità ed invenzioni. Troppo intellettualismo. Patetiche ricerche minimalistiche “Contro la mercificazione dell’Arte (…)”. L’insieme ha prodotto pochissime emozioni.
“Il Palazzo Enciclopedico” così attraente come tema si è quindi frantumato in una miriade di schegge.
Per l’apprezzamento artistico dell’opera visiva o scultorea valgono, secondo me, gli stessi canoni delle altre arti: creare almeno curiosità, meglio attrazione ed interesse, magari emozione.
Se l’approccio crea indifferenza o un vuoto imbarazzato e costringe ad andare a leggere un’artefatta (e interessata) critica per etrapolarne qualcosa, allora non ci siamo proprio.
In alcuni passaggi “d’autore” è sembrata addirittura una ben organizzata presa per il culo.
Perdonatemi il termine, ma è un sostantivo efficace e crea emozione.
In conclusione questa Biennale è stata un pò figlia della crisi economica, vista anche la scarsità di allestimenti scenografici.
Pazienza. La prossima potrà essere sicuramente migliore.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...