2014.1 – Dove sei andato? Te lo dice Google.

AVVISO: questo testo si sviluppa un pò più a lungo dei precedenti: portate pazienza, leggetelo con calma perchè credo vi servirà.
Prerequisiti:
1. possedere uno smartphone con Sistema Operativo Android, anche di fascia medio bassa, dai 150/200 euro in su;
2. essere registrati in Play Store con un’email Google (mionome@gmail.com per intenderci).
Una condizione diffusissima altrimenti non è possibile scaricare nulla da Play Store, neanche – ad esempio – l’indispensabile “Torcia” per ritrovare le chiavi, perse di sera in borsa.
Altrettanto diffusa è l’abitudine di ACCONSENTIRE che il programma che stiamo installando prenda un pò il controllo del nostro telefono.
NEI FATTI Gooogle/Android ha il TOTALE controllo del terminale: dalla localizzazione alle chiamate, dagli sms alla rubrica (per i quali offre un comodo sistema gratuito di archiviazione) agli spostamenti: e, cosa NON trascurabile, memorizza tutto.
In particolare, il monitoraggio dei servizi di localizzazione ha una spaventosa ambivalenza: analizziamola.
(E’ richiesto l’inserimento dell’e.mail google e della relativa password).

1. GESTIONE DISPOSITIVI ANDROID
https://www.google.com/android/devicemanager
device
Servizio di geolocalizzazione che trova in pochissimo tempo il vostro device e lo colloca in un punto della mappa; l’importante è che lo smartphone sia collegato ad internet (con scheda dati o wifi, it’s the same). Lo vedete quel cerchietto blu? Sono io/il mio GalaxyS4, mentre stavo scrivendo il post e ho fatto lo screenshot.
Se l’avete perso in casa lo potete far squillare! Se ve l’hanno ahimè rubato potete bloccarlo e/o cancellare tutto per rispristinare le condizioni di fabbrica.
Se siete infine persone d’azione andrete ad aspettare il ladro sotto casa (meglio però avvisare prima la Polizia).

2. CRONOLOGIA DELLE POSIZIONI
https://maps.google.com/locationhistory/
La geolocalizzazione diventa strumento di monitorlocation2aggio dei vostri spostamenti, ovviamente se avete con voi il telefono.
Vedrete in mappa il vostro peregrinare a piedi, auto, moto, sci, barca, giorno per giorno.

3. CONCLUSIONI
La domanda è retorica e rivolta ad un adulto: “Accettereste ora in regalo un nuovo smartphone già perfettamente attivato, con un’email Google fatta da altri, e con il donante che vi dice di non preoccuparvi, che ha pensato tutto lui?”.
Pensateci😉 e non ripetete, per favore, il solito vuoto ritornello “Io non ho nulla da temere”…

Inviato su www

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...