FotoGRAFIA


okkioIl passato
Ho studiato fotografia all’università, nel lontano 1977, superando due esami con Italio Zannier.
Ho successivamente speso (sarebbe meglio “investito”) il salario di una settimana di lavoro per comprarmi la mia prima reflex, una Fujica.
Ho partecipato a diversi concorsi fotografici locali e provinciali ottenendo dei riconoscimenti e qualche soldo (da studente fanno comodo), sviluppando e stampando il bianco e nero da solo, come facevamo in tanti.
Nel 1986, a trent’anni, mi fu commissionato un libro fotografico sul Comune di Caerano di San Marco (TV), poi scritto (nei testi e nella luce) con un collega, e stampato in 1500 copie.
Esistono tracce di questo testo anche in rete: [visive] e [documentali]
Seguirono una mostra fotografica collettiva e alcune video proiezioni pubbliche, realizzate sincronizzando due o più proiettori diapositive con una base musicale: gli albori del multimedia.
Poi mi fermai per qualche anno.

Il presente
Non ho mai pensato ad una scelta professionale, e uso la fotografia come mezzo d’espressione individuale e strumento di comunicazione complementare alla professione.
Con l’avvento del digitale e delle comunità di fotografi on-line, si sono aperti canali di condivisione del proprio lavoro i quali hanno permesso di aumentare competenze e creatività, oltre a relazionarsi con persone da tutta Europa.
Assieme ad un altro trevigiano, iscritto al sito Trekearth, abbiamo organizzato due meeting fotografici – uno a Treviso e uno a Venezia – che hanno avuto un’ampia adesione (fotografi arrivati dalla Francia, dal Belgio, dall’Austria, dalla Slovenia e dall’Italia) ed un sincero apprezzamento.
Segnalo alcuni siti nei quali pubblico i miei lavori:
# [Trekearth]
# [Flickr Fotostream]
# Un portfolio di puro impatto grafico-visivo: [Aminus3]
# Un sito dal quale hanno attinto a *pieni pixel* altri siti: [Fotografieitalia]
# Il sito di due amici romani: [Italiainfoto]

Riferimenti guida
Aaron Betsky: “L’architettura non è il costruire, ma il modo di pensare e parlare sugli edifici, di rappresentarli e descriverli”.
Lisette Model: “La fotografia è l’arte più facile, il che forse la rende la più difficile”.
Infine, una mia digressione letteraria parafrasando Maurice Blanchot: “La maledizione di una bella foto è il luogo in cui è stata scattata. Non si sa mai a chi va il merito”.

Che dire, se non “Buona visione!“.

All rights reserved. The photos taken by photographer Renzo Bonan are copyrighted. Use in any form (web, paper publication, public exposure, etc.) is strictly forbidden without the written permission of the photographer.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...