In evidenza

2014.9 – E’ fatta!

Nokia-Lumia-930-Beauty1Se volete un consiglio gratuito da un “anziano” Geek (quale penso d’essere) passate a Windos 8.1 mobile e, se le vostre tasche lo permettono, al Nokia Lumia 930.
Ho abbandonato, nel modo più maleducato possibile, un Galaxy Samsung S4 per il 930, quello in foto, ma si sa che in tecnologia le passioni sono effimere.
Ho ritrovato Nokia, un grande amore di gioventù, cipollando per gioco con un Lumia 630. La domanda che è sorta spontanea è stata: “Che ci sto a fare in Android?“.
A parte gli scherzi, l’accoppiata sistema operativo/hardware e la qualità costruttiva delle componenti hanno prodotto uno smartphone di eccellenza, che vi consiglio di provare. O acquistare.

Link: http://www.microsoft.com/it-it/mobile/telefoni-cellulari/lumia930/specifiche/

In evidenza

2014.7 – Fulmini a ciel sereno

Blitzortung.org” è una rete di rilevamento fulmini per la localizzazione delle scariche elettromagnetiche nell’atmosfera. Si compone di diversi ricevitori fulmini e un server centrale di elaborazione. Le stazioni trasmettono i loro dati a brevi intervalli di tempo su Internet al server. Ogni frase di dati contiene l’ora esatta di arrivo dell’impulso fulmine ricevutoe l’esatta posizione geografica del ricevitore. Con queste informazioni da tutte le stazioni vengono calcolate le posizioni esatte delle scariche. L’obiettivo del progetto è di creare una rete con un elevato numero di stazioni. Il prezzo per l’hardware utilizzato è inferiore a 200 euro. Le posizioni sono gratuite  in formato raw a tutte le stazioni che trasmettono i loro dati al nostro server. Il proprietario della stazione può utilizzare i dati grezzi per tutti gli scopi non commerciali. L’attività fulmini delle ultime due ore è inoltre visualizzato in diverse mappe pubbliche ricalcolate ogni minuto.

Quindi, se volete partecipare al progetto, questo è il link: http://www.blitzortung.org/Webpages/index.php?lang=en

Foto: Parcheggio Rifugio Auronzo (BL – IT)

In evidenza

2014.4 – Il mondo del Cybercrime

Connected-worldKaspersky Lab ha approntato una mappa interattiva che mostra in tempo reale le minacce che affliggono le infrastrutture informatiche del mondo. Una rappresentazione suggestiva che merita una segnalazione perchè basata su un rilevamento globale che pare in tempo reale.
Serve  a far comprendere ai meno esperti quanto controllo c’è ormai nel Pianeta Terra.
Buona visione e… aggiornate l’antivirus.

http://cybermap.kaspersky.com/

In evidenza

2014.1 – Dove sei andato? Te lo dice Google.

AVVISO: questo testo si sviluppa un pò più a lungo dei precedenti: portate pazienza, leggetelo con calma perchè credo vi servirà.
Prerequisiti:
1. possedere uno smartphone con Sistema Operativo Android, anche di fascia medio bassa, dai 150/200 euro in su;
2. essere registrati in Play Store con un’email Google (mionome@gmail.com per intenderci).
Una condizione diffusissima altrimenti non è possibile scaricare nulla da Play Store, neanche – ad esempio – l’indispensabile “Torcia” per ritrovare le chiavi, perse di sera in borsa.
Altrettanto diffusa è l’abitudine di ACCONSENTIRE che il programma che stiamo installando prenda un pò il controllo del nostro telefono.
NEI FATTI Gooogle/Android ha il TOTALE controllo del terminale: dalla localizzazione alle chiamate, dagli sms alla rubrica (per i quali offre un comodo sistema gratuito di archiviazione) agli spostamenti: e, cosa NON trascurabile, memorizza tutto.
In particolare, il monitoraggio dei servizi di localizzazione ha una spaventosa ambivalenza: analizziamola.
(E’ richiesto l’inserimento dell’e.mail google e della relativa password).

1. GESTIONE DISPOSITIVI ANDROID
https://www.google.com/android/devicemanager
device
Servizio di geolocalizzazione che trova in pochissimo tempo il vostro device e lo colloca in un punto della mappa; l’importante è che lo smartphone sia collegato ad internet (con scheda dati o wifi, it’s the same). Lo vedete quel cerchietto blu? Sono io/il mio GalaxyS4, mentre stavo scrivendo il post e ho fatto lo screenshot.
Se l’avete perso in casa lo potete far squillare! Se ve l’hanno ahimè rubato potete bloccarlo e/o cancellare tutto per rispristinare le condizioni di fabbrica.
Se siete infine persone d’azione andrete ad aspettare il ladro sotto casa (meglio però avvisare prima la Polizia).

2. CRONOLOGIA DELLE POSIZIONI
https://maps.google.com/locationhistory/
La geolocalizzazione diventa strumento di monitorlocation2aggio dei vostri spostamenti, ovviamente se avete con voi il telefono.
Vedrete in mappa il vostro peregrinare a piedi, auto, moto, sci, barca, giorno per giorno.

3. CONCLUSIONI
La domanda è retorica e rivolta ad un adulto: “Accettereste ora in regalo un nuovo smartphone già perfettamente attivato, con un’email Google fatta da altri, e con il donante che vi dice di non preoccuparvi, che ha pensato tutto lui?”.
Pensateci 😉 e non ripetete, per favore, il solito vuoto ritornello “Io non ho nulla da temere”…

In evidenza

2014.1 – I luoghi più fotografati al mondo

Sighstmap, l’ennesimo servizio di Google, raccoglie le fotografie pubblicate su Panoramio, Wikipedia e Foursquare e valuta le località più fotografate al mondo.
Secondo Sightmaps è New York City il luogo più fotografato al mondo.
Roma, Barcellona, Parigi e Istanbul completano il quintetto di testa, suggerendo tuttavia che probabilmente il servizio è più popolare in alcune aree del mondo rispetto ad altre. Venezia è al sesto posto, davanti a Montecarlo, Firenze, Buenos Aires e Budapest.
La mappa mostra le località che compaiono, nella maggior parte di scatti, evidenziate con il colore giallo; a decrescere le tonalità dall’arancio al viola indicano quelle meno popolari fra i turisti.  In questo modo, zoomando la mappa, si possono conoscere i luoghi più belli e attrattivi.

Link: http://www.sightsmap.com/

In evidenza

2014.1 – La tecnologia? Verrà indossata.

hatsUna delle visioni del futuro che sembrano sempre più concrete è quella che parla di innesti e tecnologia da indossare.
Il Consumer Electronics Show (CES) di Las Vegas 2014 si è aperto all’insegna di quella categoria di prodotti definiti wearable – indossabili – che sono pensati per integrare la tecnologia con il corpo e quindi nella vita dei singoli utenti, così come sta tentando di fare Mountain View con i suoi Google Glass.
D’altronde, che siano smartwatch, occhiali intelligenti o altri tipi di indumenti dotati di sensori ed integrati a dispositivi di controllo, il mercato della wearable technology è considerato tra i più redditizi del prossimo futuro. Oltre alle auto che viaggiano da sole.
Staremo a vedere. Ma, d’altra parte, considerando quanto si messaggia, chiama, cerca e chatta lo smarthphone da tenere sempre in mano pare abbia sempre meno significato…

Link: Articolo su Punto Informatico

In evidenza

2013.11 – Google &Venice

Intraprendi un viaggio!
“Benvenuto a Venezia, la città costruita sull’acqua. Viaggia lungo i canali, passeggia per le calli, sali sulle barche, attraversa i ponti e organizza la tua personale avventura in una delle città più straordinarie del mondo.”

Ebbene si, Google c’è riuscito.
Venezia è stata fotografata dalla gondola, dalle calli, addirittura sono stati fotografati gli interni di edifici e locali storici, come ad esempio il Caffè Florian. Al di là della generosa pubblicità ad una città che peraltro non ne abbisogna, voglio provare la sua efficienza come “Filo di Arianna”,  collegandomi con  il tablet negli angoli più remoti e nascosti, e vedere se mi aiuta ad orientarmi. Se qualcun altro accetta di provare, benissimo, potremo condividere l’esperienza.
Il tutto, si spera, a prova di turista nipponico o cinese 😉

Collegamento a Google Maps